Come mettersi al sicuro sul web quando si lavora

Pubblicato il

Come mettersi al sicuro sul web quando si lavora

Al giorno d’oggi quasi ogni nostra attività passa per la Rete. Su Internet condividiamo i nostri momenti di svago, le nostre informazioni più riservate, i nostri dati di lavoro. In qualsiasi momento possiamo cadere vittima di un attacco informatico, questo potrebbe significare un serio problema per la nostra privacy e un danno economico significativo se il computer o il macchinario colpito fosse quello della nostra azienda. Per questo motivo è necessario prendere le giuste precauzioni quando usiamo un dispositivo elettronico. Per fortuna la maggior parte delle azioni che aumentano la nostra sicurezza informatica  sono semplici da mettere in pratica e non richiedono un grande impegno, sia a livello temporale che di conoscenze. 

Protezione personale

Per difendere la nostra privacy e le nostre informazioni più sensibili esistono moltissime tecniche differenti tra loro. Ma il primo consiglio in assoluto è quello di usare delle password complicate  e difficili da decifrare. Il consiglio è quello di non usare termini legati alla nostra quotidianità, come la via di casa o la nostra squadra di calcio preferita. È meglio strutturare una password con minimo otto caratteri composti da lettere e numeri disposti casualmente. Se usiamo uno smartphone dobbiamo sempre impostare un codice di sblocco. La semplice sequenza di movimenti con il dito sullo schermo non basta. È facile da intuire, meglio affidarsi a lettere e numeri anche in questo caso. È vero può sembrare una seccatura ma impedirà ai malintenzionati di arrivare alle vostre informazioni riservate. Se usiamo i social media controlliamo costantemente le impostazioni sulla privacy relative al nostro profilo. Inoltre, evitiamo di accettare i termini relativi alla privacy senza leggere. In casa è consigliabile modificare la password della nostra rete wi.fi rispetto a quella impostata di default e dobbiamo sceglierne una complessa. È sconsigliato lasciare la connessione di casa libera. Se usiamo i nostri account social o email su più dispositivi, specie se lo facciamo su computer non nostri (come a lavoro o in biblioteca) ricordiamo di fare sempre log out. Altrimenti chiunque potrebbe accedere ai nostri dati senza nessuna fatica.

Protezione aziendale

Se vogliamo proteggere la nostra Rete aziendale il primo passo da compiere è quello di impostare un accesso privato per ogni dipendente. In questo modo sapremo sempre chi è connesso ai nostri sistemi e chi non è autorizzato non potrà accedervi. Al contrario di quanto molti pensino è consigliabile usare i servizi cloud al posto degli hard disk per conservare i nostri dati aziendali. Questi servizi hanno una capacità maggiore rispetto ai dischi rigidi e soprattutto sono più difficili da manomettere per un hacker. Un altro consiglio fondamentale è di non scaricare programmi da fonti non attendibili. Spesso quando usiamo un programma per lavoro, o quando navighiamo in Internet, potrebbe comparire un pop-up che ci consiglia di aggiornare la versione in uso. Quasi sempre dietro a queste comunicazioni si nasconde una trappola. E se installiamo il programma ci ritroveremo vittime di un virus. Così come nella sicurezza del PC di casa anche a lavoro è consigliabile usare solo password complesse, meglio se con numeri, lettere e caratteri speciali. Il consiglio finale, ma forse quello più importante, è di gestire con accuratezza gli indirizzi di posta elettronica aziendale. La maggior parte dei malware, infatti, colpisce le PMI attraverso degli allegati email. Per questo è importante formare i dipendenti per insegnare loro a riconoscere un tentativo di spam o una truffa sul web.

 

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post