Privacy, perché è importante proteggere i propri dati.

Pubblicato il da Redazione

Oggi purtroppo sono tante le minacce che leggiamo o sentiamo in Tv dallo spionaggio cibernetico, dalle campagne elettorali svolte con l'intrusione di hacker nelle email dei rivali politici ecc..; diventa con il passare del tempo sempre più importante investire nella protezione dei dati di tutto l'ecosistema digitale. Inizialmente l'era di internet ha preferito privilegiare la funzionalità rispetto alla sicurezza determinando una insicurezza del digitale. Secondo gli esperti nel 2020, a causa delle scarse strategie di difesa della rete e delle infrastrutture, si prevederà che le perdite da attacchi cyber potrebbero ammontare fino a 3000 miliardi di dollari causando danni non solo alla reputazione, per imprese e istituzioni pubbliche. L'Italia nel 2012 è risultata nona nel mondo  per la diffusione di malware e prima in Europa per il numero di Pc infetti. Nel 2009 sono state 9 milioni le vittime del cybercrime  di cui un terzo in rete, con un costo medio a persona di 275 euro. Una parte degli attacchi ha colpito le pubbliche amministrazioni ed una percentuale alta forse più della metà dei casi è riuscita. Rimane di fondamentale importanza una cultura della sicurezza dei dati e dei sistemi, evitare in futuro frodi informatiche, furti d'identità,  attacchi hacker che per adesso solo la criminalità informatica ha capito rispetto alle istituzioni l'importanza e il valore commerciale dei dati. La sicurezza cibertnetica dovrà essere garantita in Italia come in Europa bisognarà avere una visione internazionale, facendo capire a tutti cittadini l'importanza di difendere i propri dati e di conseguenza la propria libertà.

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post