Arriva l'oblazione per gli illeciti della privacy

Pubblicato il da Redazione

E' stata introdotta l'oblazione per gli illeciti privacy pendenti, e oblazione a regime per le future contestazioni. Per i nuovi procedimenti, quelli dopo la data del 25.05.2018 si può pagare la metà della sanzione irrogata dal Garante della Privacy, mentre per tutti i procedimenti anteriori alla data del 25.05.2018 pagando i due quinti del minimo si può chiudere il procedimento. Ecco alcune modifiche per le imprese ed enti pubblici tenute a rispettare la privacy dei dati:

1) Abbassata a 14 anni l'età per esprimere il consenso per il trattamento dei dati relativo all'offerta di servizi delle società di informazioni.

2) Introdotti i designati per  specifici compiti all'interno di enti pubblici ed imprese, lavoreranno sotto l'autorità del titolare del trattamento dati.

3) Per i primi 8 mesi dall'entrata in vigore del decreto, il Garante della privacy dovrà tenere conto della fase iniziale di applicazione del regolamento, quindi dovrà agire con molta cautela.

4) Si può esporre reclamo al Garante della Privacy, anziché del ricorso che sarà deciso in nove mesi oppure ricorrere direttamente in Tribunale.

5) Per le sanzioni amministrative si applica la legge 689/1981 

6) Chiunque potrà mandare una segnalazione al Garante della Privacy per una segnalazione o per richiedere un provvedimento correttivo  o sanzionatorio. 

 

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post
C
Ho richiesto una consulenza sulla privacy proprio per questo, voglio adeguare il mio sito al nuovo regolamento comunitario prima che mi arrivi una sanzione!
Rispondi