Abbandono rifiuti, sanzioni per il condominio

Pubblicato il da di Redazione

La raccolta differenziata è diventa una realtà consolidata in quasi tutti i Comuni d'Italia. Per i trasgressori di sacchetti selvaggi sono previste delle multe regolamentate da ogni Comune che sanzione il singolo che sbaglia, fino ad arrivare alle multe collettive previste a carico di un condominio. E' bene sottolineare che i condomini che non rispettano le regole della raccolta differenziata, il problema non può essere riversato sul singolo amministratore e non può essere ritenuto responsabile dei comportamenti omissivi degli inquilini del condominio, né compete all'amministratore controllare se i rifiuti vengono depositati nei bidoni correttamente. Nel momento in cui non viene identificato il condomino che sbaglia, considerando che il condominio è il soggetto che svolge l'attività di raccolta dei rifiuti dei singoli condomini con risorse umane e materiali direttamente riconducibili allo stabile, quindi al condominio, tenendo presente che il cassonetto dove viene riposto il materiale per la raccolta differenziata è di sua proprietà o in comodato d'uso dovrà considerarsi solidalmente responsabile ex art.6 legge 689/1981 con il trasgressore condomino rimasto ignoto. Il Tribunale di Milano con la sentenza n°1047 del 13 febbraio 2017 sul problema della mancata identificazione del trasgressore in tema di sanzioni amministrative ha stabilito che l'identificazione e l'indicazione dell'autore materiale della violazione non sono requisiti di validità dell'ordinanza-ingiunzione emessa nei confronti dell'obbligato solidale, poichè la ratio della responsabilità in questo caso del condominio, non è quella di far fronte a situazioni di insolvenza dell'autore della trasgressione, bensi' quella di evitare che l'illecito resti impunito quando sia impossibile identificare il trasgressore e sia invece identificabile facilmente il soggetto obbligato solidalmente a norma dell'art.6 primo comma della legge 689/1981.

 

Con tag condominio, persone

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post