La multa è nulla se nel verbale non è indicato il segnale di preavviso.

Pubblicato il da di Redazione

Il Giudice di Pace di Mantova con la sentenza n°4484/2018 ha accolto il ricorso di un ricorrente poiché il verbale elevatogli per il superamento della velocità sarebbe stato illegittimo, essendo la rilevazione di velocità avvenuta in modo non conforme a quanto prevista dalla normativa. Inoltre  si opponeva perché non erano state dichiarate a verbale le informazioni sulla tipologia della postazione e sull'obbligatorietà della revisione dello strumento. Il giudice richiamando la circolare del Ministero dell'Interno n.300/A/10307/09/144/5/20/3 in cui è necessario sempre garantire il rispetto delle esigenze di informazione dell'utenza, allo scopo di fornire la massima trasparenza all'attività di prevenzione realizzata,  il Giudice menziona che le postazioni mobili devono essere segnalate con cartelli temporanei, tale segnaletica si utilizza in maniera specifica quando la posizione dei dispositivi sia oggetto di preventiva pianificazione coordinata e quando il loro utilizzo non è occasionale, ma per la funzione dei controlli assume il carattere di sistematicità.

La Cassazione con ordinanza n°5997/2014, ha chiarito come sia indispensabile ai fini della validità del procedimento amministrativo, che i verbalizzanti indichino tutte le circostanze idonee a evidenziare i presupposti che portano all'accertamento, ivi compresa l'indicazione della tipologia mobile o temporanea del segnale di preavviso del controllo della velocità. Il Giudice di Pace ha accolto il ricorso poiché non risultavano dal verbale indicate tali informazioni.

 

Con tag diritto

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post