Google accusata di maxi furto di dati dall'iPhone

Pubblicato il da di Redazione

Un'organizzazione di consumatori di Londra, ha intentato una causa contro Google per un presunto furto di dati personali dall'iPhone. L'alta Corte di Londra ha bloccato in quanto i fatti dichiarati non sono sufficienti a dimostrare che ci sia stato un danno. Tutte le azioni di Google si configurano verosimilmente come ingiuste e in violazioni delle norme; non necessariamente tutto quello che avviene senza il nostro consenso preventivo provochi inevitabilmente un danno. Ci sono anche dei clienti che sono preposti a cedere le proprie informazioni personali in cambio di offerte personalizzate. L'azione proposta dall'associazione dei consumatori richiedeva un risarcimento per oltre 4 milioni di utenti, in particolare si accusava Google di aver eluso il sistema di sicurezza dell'Iphone e aver raccolto dati dal 2011 al 2012 non rispettando le regole della privacy sul browser. Il Giudice ha chiarito che Google ha raccolto dati tramite safari  illegalmente, tuttavia non ci sono dati sufficienti a supportare l'affermazione secondo cui i consumatori che hanno avviato il giudizio abbiano subito anche un danno.

 

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post