Catania: assolto hacking etico

Pubblicato il da Redazione

Nel 2017 un informatico italiano aveva scoperto una vulnerabilità nel sistema dell'applicazione Beentouch decidendo di segnalarla ai tecnici. Non avendo nessuna risposta decise, dopo poco tempo di avvertire pubblicamente gli utenti delle problematiche presenti nell'app. I proprietari dell'app scoprendo la pubblicazione online della falla presente nell'app, decisero di denunciare l'informatico, per diffamazione e intrusione al sistema. Alla fine il Gip di Catania ha deciso di prosciogliere l'informatico dalle accuse, stabilendo che la divulgazione e l'intrusione  avvenuta da parte dell'informatico nell'applicazione  è stata fatta con responsabilità.

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post