Telecamera che inquadra una strada pubblica non è consentito

Pubblicato il da Redazione

Installare delle telecamere non sempre è facile, si può commettere un errore nel non rispettare la legge o il regolamento della privacy. Un condominio, un centro residenziale di Roma ha dovuto smontare l'impianto di videosorveglianza, perché inquadrava la strada pubblica,  su ordine del Comune.

I condomini impugnano l'ordinanza dinanzi al Tar del Lazio ma non ottengono il risultato sperato, perdendo; secondo il Garante come riportato in sentenza ''l'impianto privato di videosorveglianza non deve inquadrare le zone soggette a pubblico passaggio, di cui è competente soltanto il Comune'' ai sensi dell'art.6 del 11/2009, convertito nella legge n.38/2009 ai fini della prevenzione di reati e controllo del territorio. ( sentenza n°3316 del 17 marzo 2020). Nel caso specifico è applicata la direttiva 2016/680 per le attività di polizia cosi' è considerato dal collegio.

Spesso i privati installano delle telecamere che inquadrano strade pubbliche, ma previo permesso con il Comune come è previsto dal pacchetto sicurezza del 2017. Le immagini potranno essere visionate soltanto dalla polizia, quindi un privato che vuole installare delle telecamere che inquadrano una strada pubblica deve essere autorizzato dal Comune, le immagini le potranno vedere soltanto la polizia.

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post